I borghi più belli d’Italia: Vico del Gargano

0
Vico del Gargano




A metà strada tra l’Adriatico e la Foresta Umbra si trova il borgo più bello di tutto il Gargano. Semiabbandonato e rovinato, ma assolutamente affascinante, il centro storico è costituito da tre rioni. Lo donano portoni, finestre, inferriate, comignoli, scalinate e stemmi presenti ovunque, rigorosamente dall’aspetto decadente. Paradossalmente fu l’emigrazione a salvare il paese. I giovani lasciavano Vico per cercare fortuna e lavoro da qualche altra parte e così le architetture tradizionali non cessarono di esistere. Naturalmente i numerosi terremoti e le sventure non risparmiarono il borgo ma per fortuna tutt’ora è incantevole ed è unico nel suo genere. Contrariamente alle vicine Peschici e Vieste, non si è snaturato nonostante il turismo di massa. L’atmosfera magica di Vico del Gargano sta nelle sue architetture, nella gente che vive nel centro storico ma anche nella natura circostante: colline ricoperte da uliveti, agrumi e pini d’Aleppo.

Vico si affacciò per la prima volta alla storia dopo la cacciata dei Saraceni (nell’Europa medioevale con questo termine si indicava tutti i popoli di fede musulmana nonchè i pirati musulmani che navigavano sulle acque del Mediterraneo) dal Gargano, dovuta agli Slavi provenienti dalla Dalmazia al soldo dei Bizantini. Furono premiati con alcune terre liberate e così fondarano Vico. Una curiosità: anche il nome Peschici ha radici slave. È un’insieme delle parole “pesek” (sabbia) e “cisti” (puro). Infatti, le spiaggie da queste parti abbondano di sabbia. Nel XII secolo arrivarono i Normanni, ovvero “Uomini del Nord” e costruirono a Vico il primo castello. Successivamente fece parte del Sacro Romano Impero, vi regnarono Gli Aragonesi e Galeazzo Caracciolo che si distinse nella cacciata dei Turchi da Otranto. Come premio ricevette Vico.

Durante una Visita a Vico non si può fare a meno della paposcia (la paposcia del Vico del Gargano). Che cos’ è? In poche parole è il pane del Gargano (pane nostrum di Vico del Gargano) e più precisamente è un’insieme di panino, pizza e focaccia. Si prepara con una noce di pasta di pane lievitata, schiacciata, allungata, e subito cotta nel forno a legna. Di solito viene farcita con pomodori, rucola e olio d’oliva e poi anche con mozzarella, prosciutto cotto o quello crudo. Io vi consiglio di assaggiarla DA WILLY. Tenete solo presente che questo locale è aperto nel orario di pranzo e di cena e che a volte sono piuttosto lunghi: benvenuti al Sud 😉 In ogni caso la paposcia è squisita.

A presto!

Ania

P.S. Se ti è piaciuto questo articolo o vuoi farmi qualche domanda, lascia un commento. Se invece sei stato a Vico del Gargano, puoi condividere con me una foto da te scattata, pubblicandola sotto forma di un commento. Ricorda che ti aspetto su Facebook e su Instagram dove sono presente quotidianamente, pubblicando sempre più curiosità e più fotografie.

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

Vico del Gargano

paposcia

paposcia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here